“Cerchi di suono” a cura di Daniela Barra (TolfArte Kids)

Daniela Barra

Seduti in cerchio a suonare assieme vuol dire uno sviluppo della coralità e fusione del gruppo, usanza antica come l’uomo.

Le CIVILTA' COSIDDETTE EVOLUTE…LO HANNO DIMENTICATO! Ora la musica si fruisce , la si “vede” sperdendo la funzione esperienziale e sensoriale. Tuttavia Essa nelle sue forme primitive conserva quanto più di evocativo , curativo, catartico possa accadere nel nostro corpo e nella nostra mente. Le neuroscienze ci avvisano di quanto è possibile attraverso l’ascolto , curare favorendo il linguaggio del corpo, come “veicolo” del cervello: esso stesso è enormemente elastico capace dunque di riformularsi abituarsi a nuove più felici forme di pensiero con l’abitudine alla gioia e alla bellezza. E alla MUSICA. Lo sviluppo del suono nel cerchio ha funzione sciamanica, curativa, rilassante, energizzante. I giochi ritmici sono presenti in natura e nei suoi elementi: impareremo ad ascoltarli, appropriarcene per riprodurli con la voce o col corpo o con gli oggetti. Ciascuno potrà scoprire il proprio strumento sonoro e costruirselo.

Laboratori di percussioni per sviluppare  energie, aggregazione e socialità.

Si utilizza il corpo partendo dal battito del cuore, lavorando su ritmi da duale a composto attraverso l’uso di strumenti musicali di piccola e media forma, a cornice o seduti. Alcuni strumenti sarà possibile costruirli assieme per scoprire il suono e i suoi registri.

Sono i benvenuti i ragazzi con diverse abilità cognitive o motorie.

Picola grande Aurora

aurora

Una piccola acrobata agli esordi si esibisce sui suoi trampoli, regalando grandi emozioni a tutti...è lei la più giovane artista del festival!

Ricardo Badaracco (Argentina)

Badaracco
Ricardo Badaracco, musicista argentino, ha iniziato i suoi studi di Bandoneon con l'insegnante Carlos Lazzari. È stato membro di diverse orchestre e gruppi come l'Orchestra La Brava, il quartetto Almatango e l'orchestra La milonguera romántica.
Ha fatto parte del cast stabile del Viejo Almacén, Sabor a Tango, La Ventana Tango, prestigiosi locali di Buenos Aires. Ha recitato per cinque anni nelle crociere Pullmantur in Brasile e Uruguay. 
Attualmente fa parte dell'orchestra La Juan Darienzo, nel suo doppio ruolo di musicista e manager di Bandoneon, in tournée in vari paesi in Europa, Giappone, Taiwan, Stati Uniti e Sud America. Allo stesso tempo, è un produttore di gruppi di tango come Elegante Sport e Quinteto Boemia.

Tata Mary (TolfArte Kids)

mola

Federica Mola è attrice, improvvisatrice teatrale, animatrice. Nei panni ogni volta di un personaggio diverso, col suo inseparabile ombrello viola approda a Tolfarte Kids per creare fantasiosi animaletti con i palloncini e maschere per i  bambini di tutte le età, colorando l'atmosfera con le bolle di sapone che sempre stupiranno sia grandi che piccini.

 

Edoardo Pesce & Stefano Scarfone

EDOARDO PESCE

Edoardo Pesce & Stefano Scarfone in "Chitarrevoce”

Edoardo Pesce ha da sempre unito alla sua attività di attore (vincitore di un David di Donatello per il suo ruolo in Dogman) alla la musica, scrivendo e suonando con la sua band appassionata di “blues, soul, romanesco” The S.Peter’s Stones. “I was born in T.B.M” è stato l’album di esordio con questa formazione; un viaggio, ironico e surreale nel mondo e nel quartiere dove Edoardo Pesce è nato e cresciuto (Tor Bella Monaca).La sua performance è caratterizzata da monologhi, battute, canzoni inedite e brani della tradizione romana riarrangiati. Pesce si racconta attraverso la musica affrontando con ironia temi anche seri: dallo sfruttamento del lavoro nero alla vita di periferia e ovviamente l’amore, il tutto all’insegna del migliore Teatro Canzone, affiancato dalla "speciale" chitarra di Stefano Scarfone.

Giovanni Cernicchiaro

413e2f2e e405 4207 a97f 5c21241b29a1

Cosa si cela dietro il successo dei Pink Floyd? Quali sono i misteriosi meccanismi che hanno reso la Band Inglese uno dei più importanti fenomeni musicali della storia. Questo è molto altro cercheremo di scoprire insieme, attraverso ascolti mirati e slides.

The reggae circus di Adriano Bono

REGGAE CIRCUS

The Reggae Circus è il nome dello spettacolo itinerante ideato e diretto da Adriano Bono, ex-cantante di Radici Nel Cemento, dal Settembre 2009 impegnato in numerosi progetti da solista.Lo spettacolo ha debuttato nella primavera del 2009 a Roma, e da allora il seguito di fan e ammiratori è cresciuto esponenzialmente grazie alla sua formula vincente che consiste nel felice connubio tra musica Reggae e spettacolo circense, un mix che non si era mai visto prima e che non ha eguali nel mondo.

Il motore dello spettacolo è rappresentato dal live-act della resident band del Reggae Circus, la Torpedo Sound Machine, una formidabile macchina del suono che è in grado di sonorizzare ogni tipo di intervento artistico.

Così, tra nuove canzoni scritte ad hoc per lo show e vecchi classici del repertorio di Adriano Bono, il pubblico si ritrova improvvisamente ad ammirare il numero di uno sputafuoco sul palco, o un numero di giocoleria, clownerie di ogni genere, una banda marciante che irrompe nel cuore della pista in mezzo al pubblico, un numero di Burlesque o di Belly Dance, acrobazie sopra o sotto il palco e quant'altro, in un susseguirsi vorticoso di numeri musicali e di arte varia che lasciano gli spettatori con la bocca aperta per lo stupore e in continua fibrillazione.

Daniele Romeo

DANIELE ROMEO
Ritratti musicali
Un artista, una chitarra e una musica improvvisata sul momento, a partire dalle emozioni e dalle ispirazioni che l'artista riceve guardandovi negli occhi e scambiando poche parole con voi.
Tornano anche quest'anno a Tolfarte i Ritratti Musicali di Daniele Romeo, artista che si è avvicinato allo studio della chitarra da giovanissimo e ora fonde le competenze strumentali con la composizione e l’improvvisazione chitarristica a servizio del teatro e della musica di scena.

Musiche per teatro composte ed eseguite dal vivo per gli spettacoli “Morire di Pace” di Sara Greco Valerio, regia G. Fares; “Serafino Gubbio Operatore” di Giancarlo Fares, regia S.G. Valerio;
“La Vuota Corona” di Beatrice Presen, regia G. Smith; “I resti della fenice – Racconti al Femminile” di e con Lucilla Magliocchetti. Fa da consulente musicale per lo spettacolo “Eppur mi son scordato di me” interpretato da Paolo Triestino.

È Musicista improvvisatore presso Assetto Teatro e insegnante di chitarra e operatore musicale per diverse scuole di musica e associazioni del territorio.

Partecipa in veste di chitarrista in numerosi progetti, tra cui il Gruppo di Musica Popolare “I Cerchi Magici”; il Progetto Musicale Chitarra Classica e Arpa con l’arpista Vincenzina Capone (E.
Morricone, Pippo Caruso…); il Progetto Acustico “The Scarlett & Co.” con Francesca Aquiloni, Lorenzo Pausillo, Marta Leone.

Accosta all’attività didattica e concertistica quella di copista musicale. 

Mr Dyvinetz

MR DIVYNETZ

La rue Cyr è nata a Montreal nel 2003, e solo pochi artisti nel mondo sono capaci di usarla.
La performance è un misto di processi tecnici, di fusione tra l’artista e l’estensione del suo corpo, che prende vita nella ruota, e con essa si muove e gira nello scenario.
Con un controllo perfetto dell’attrezzo, Mr. Dyvinetz gira nello spazio a 360°, eseguendo contemporaneamente figure acrobatiche e di ballo sorprendenti.
Combinando la difficoltà di equilibrio, l’impatto visivo, e l’assoluta professionalità, danno come risultato un numero differente, unico ed emozionante.

  • 1
  • 2