Stefania Camilleri

frattura

Nasce, vive e lavora a Roma, ma nel suo sangue scorre l’ardore della Sicilia e la magica intensità delle sue ascendenze mediterranee. Matematica, informatica, acquerellista, fotografa e scrittrice con il pallino della sperimentazione. Moderna alchimista ha esposto in importanti gallerie ed in luoghi istituzionali fin dal 2004. Nel 2014 una sua prima opera in resina "Atollo" è stata selezionata per la Biennale d’Arte Moderna di Viterbo. Dall’incontro di acquerello e resine è nata un progetto che declina arte e materia in nuove forme e tendenze in una incessante ricerca attraverso
l’utilizzo di nuovi materiali e nuove tecniche. Fondatrice del movimento artistico del “Sinestesismo Creativo” con Raimondo Venturiello e Rita Abatini, ha ricevuto in Campidoglio
il premio “Donna e Cultura 2006”. Attraverso lo studio delle proprietà delle resine epossidiche e delle relative tecnologie ha intrapreso un nuovo percorso verso l’art design, creando nuove affascinanti, complesse materie costituite dalla fusione di ossidi, terre rare, resine, metalli preziosi, vetro, legno, tele, alluminio e plexiglass. Si dedica poi a ricerche sul simbolismo del colore, al design di complementi d’arredo attraverso una ricerca continua di nuove tecniche pittoriche ed espressive, organizza simposi di poesia, premi ed eventi. Collabora inoltre con diverse riviste culturali ed ha fatto parte di numerose giurie di premi d’arte e di cultura. E' stato da poco pubblicato il suo primo libro "La strega e l'architetto" scritto a 4 mani con l'arch. Dante Frontero edito da Emia edizioni: un libro bifronte.